mercoledì 30 novembre 2016

IL GIORNO ROTTO


Riflettere e capire che tutta la mia vita è stata un grosso errore.

Amavo così tanto la mia città... perchè mi sono fatta convincere a trasferirmi?
L'unica colpevole di tutto ciò che mi è successo sono unicamente io.

Io ho la colpa di tutti gli eventi che sono accaduti in questa mia vita triste.

Ora mi volto indietro e vedo tutto chiaramente.

Vedo che l'inizio è stato l'errore più grosso.

Quel giorno vorrei non fosse mai arrivato è stato l'inizio della fine, tutto è partito da lì.

E vorrei prendere quel giorno e stracciarlo in mille pezzi, cosicchè non se ne veda nemmeno uno.
Più niente dovrebbe esistere di quel giorno, così non esisterebbe nemmeno il presente.

Non esisterebbe la mia vita senza amicizie,  non esisterebbe la mia vita senza nipotini, non esisterebbe la mia vita senza la mia famiglia, non esisterebbe la mia vita senza amore, non esisterebbe la mia vita senza scopi.

Perchè la solitudine è la peggior malattia.


4 commenti:

annalisa ha detto...

Laura, mi spiace molto "sentirti" così.... possibile che la gente intorno a te sia così fredda da non capire che ti serve 1 abbraccio, una chiacchera o una risata ogni tanto?

annalisa ha detto...

Laura, mi spiace molto "sentirti" così.... possibile che la gente intorno a te sia così fredda da non capire che ti serve 1 abbraccio, una chiacchera o una risata ogni tanto?

La ha detto...

Ciao Annalisa,
purtroppo è proprio così, ci si sente molto soli...
ma ora mi sono trasferita, sto un pò meglio... tu come stai?

annalisa ha detto...

ciao Laura,
dai, che bello... dove siete ? scusa se leggo solo ora e soprattutto se rispondo solo ora... c'è sempre così poco tempo da dedicare a se stessi ! io sono sempre indaffaratissima, poi ora che i miei genitori non sono proprio in salute, è ancora peggio a volte mi sembra di avere 4 figli e non solo 2.... vabbè dai bisogna andare avanti, no??? un abbraccio fortissimo