domenica 19 gennaio 2014

MADRE O MAMMA?

Madre o mamma?
Sono due parole simili ma non hanno lo stesso significato. La madre e' colei che mette al mondo un figlio, lo accudisce ma lo fa come una gatta con i suoi gattini.
Mamma invece è la voce che c'è sempre e che ti rassicura nei momenti bui. E' un abbraccio che non finisce mai e' un amore senza limiti.
La madre sceglie la carriera alla famiglia, la mamma invece cerca di far bene entrambe e se non ci riesce, sceglie sempre la famiglia.
Per un Suo sogno personale La madre  può sacrificare la sua famiglia, fare lunghi viaggi di lavoro, tanto c'è  la babysitter. La mamma ripone il sogno in un cassetto, perché per lei vedere felici i suoi figli è un sogno ancora più bello.
La madre è ragione, la mamma è cuore. La madre dira' al figlio che nella vita prima vengono gli affari, la determinazione, gli ideali, la mamma insegna ciò che dà emozione, ciò che è passione, ciò che riempie il cuore.
La mamma è quella che rinuncia ad un suo momento organizzato da tempo se suo figlio ha bisogno di lei vicino. La madre dirà che sono capricci e che, dopo una settimana di lavoro, lei merita una serata di divertimento.
La mamma non abbandona mai un figlio, piuttosto fa duri sacrifici, resta alzata la notte quando è ammalato, le sue parole sono dolci carezze ed i suoi insegnamenti codici di valore personale.
La Madre e' egoista antepone  il suo benessere a quello del figlio e lo guarda con gli occhi, non col cuore. La mamma da' la vita per un figlio, la Madre e'solo una presenza. La mamma rimane dentro di noi e quando non ci sarà più ci proteggerà dal cielo diventando il nostro Angelo, per la madre si piangeranno lacrime ma poi il ricordo svanirà presto. Mamma e' colei che ti cerca perché ti ama, madre e'colei che ti cerca perché ha l'abitudine a farlo.                     

   Io ho scelto di essere mamma.... Per tutta la vita.

giovedì 9 gennaio 2014

sabato 4 gennaio 2014

LE FESTE

Bene.
Il Natale lo abbiamo festeggiato in famiglia; quest'anno la priorità è stato lo stare insieme, quindi niente mega cenone con l'infinità di portate ma una tranquilla cena di festa.
A Capodanno fino all'ultimo momento pensavamo di starcene a casa noi tre tranquilli, magari guardando un bel film attendendo la mezzanotte.
Poi nel pomeriggio invece Aldo (zio di mio marito) ci ha invitato a casa di alcuni suoi amici che hanno una splendida baita a Carezza.
La vedete qui sotto ma la foto non rende bene; era una zona piena di chalet bellissimi, quando siamo arrivati era già buio e le luci di Natale delle ville assieme alla neve e agli alti abeti tutti bianchi creavano una magia speciale... sembrava di essere in Lapponia nel paese di Babbo Natale.
La serata è stata molto piacevole: abbiamo mangiato benissimo: antipasti, ravioli in brodo, carni di vario genere, e verso mezzanotte cotechino e lenticchie.
Ma anche cantato, chiaccherato e giocato a tombola.
Insomma rientro a casa ore 3.00 di notte!
Oggi invece la stessa combricola è stata  invitata a pranzo da Lauro; Riccardo gli ha dato 9 stelle michelin. Un pranzo davvero da re, complimenti Lauro!!
Polenta fatta sulla stufa con lepre in salmì,
fagiani al forno con pancetta croccante e patate arrosto,
crauti in insalata, formaggi, ed infine i dolci.
Lauro ha preparato un buonissimo strudel con frutta fresca e crema di cachi, io ho portato la torta friabile alle amarane e Lucia i biscotti fatti in casa.
E noci, noccioline mandarini....
Tra una chiaccherata e l'altra abbiamo tirato le 17.00!!
Vacanze all'insegna del buon cibo!
E ora si attende la Befana...